“Ristoranti e teatri chiusi e carceri aperti”: ira di Salvini contro il nuovo “svuota carceri” di Bonafede

“Ristoranti e teatri chiusi e carceri aperti”: ira di Salvini contro il nuovo “svuota carceri” di Bonafede

29 Ottobre 2020 0 Di direzione

Matteo Salvini non cambia idea e condanna in tutti i modi l’ultimo Dpcm varato da Giuseppe Conte. “Il governo chiude ristoranti, bar, palestre e teatri ma apre i cancelli delle galere per mandare a casa i delinquenti con la scusa del Covid. Si parla di 5mila persone: sarebbe una follia! Questo governo mette in pericolo l’Italia”. Poi il leader della Lega, intervenuto ai microfoni di Radio anch’io su Radio1 Rai, lamenta la mancanza di collaborazione: “Noi sono sei mesi che la chiediamo – tuona – collaborazione che si è sostanziata in tre telefonate di un minuto, noi oggi saremo in aula ad ascoltare Conte e faremo le nostre riflessioni, ma la cosa che non è accettabile è rivedere le cose di febbraio, occorre pianificazione, come ha fatto Macron”. Il numero uno del Carroccio infatti non esclude nulla, neppure un blocco totale del Paese: “Se c’è la necessità di chiudere si fa, la vita prima di tutto poi mi auguro che non ci sia un lockdown nazionale“.