Carpi, banda di stranieri massacra di botte un ragazzino italiano e un pensionato che lo difende

Carpi, banda di stranieri massacra di botte un ragazzino italiano e un pensionato che lo difende

25 Settembre 2020 0 Di direzione

Due tunisini, forse minorenni, hanno avvicinato e poi aggredito un giovanissimo carpigiano. Dalle prime ricostruzioni pare che lo abbiano fatto a scopo di rapina. I due di origine straniera erano in sella alle loro biciclette. Erano circa le 16 quando hanno assalito il ragazzino, in corso Fanti, a pochi passi dalla Cattedrale.

Un pensionato, in prossimità del bar all’angolo con piazza Martiri, ha visto la scena mentre stava passeggiando e ha tentato di dividerli, riportando alcune escoriazioni. Sul posto è intervenuta l’ambulanza che ha portato il giovane e l’anziano all’ospedale per le ferite riportate. «C’è venuta una grande calca subito dopo l’episodio, che ha destato enorme preoccupazione», riferisce un carpigiano che si trovava nelle vicinanze del bar durante l’accaduto. «Ecco cos’è diventata Carpi, teatro di un episodio gravissimo – interviene la capogruppo leghista Federica Boccaletti – Mi auguro che il sindaco non minimizzi, come è invece solito fare e lui e la sua Giunta prendano immediatamente provvedimenti. Carpi, in particolare il centro, è ormai diventata terra di nessuno e se non si interviene la situazione diventerà irrecuperabile». «La situazione è ormai eclatante – aggiunge Enrico Pavesi di Forza Italia – Qui non basta l’educatore di strada e neanche le telecamere ma c’è necessità di presidi fissi nei punti più critici, ormai corso Fanti lo è».