Sbarchi, 2 avvocati denunciano Lamorgese, Speranza e Conte per diffusione dolosa dell’epidemia Covid-19

Sbarchi, 2 avvocati denunciano Lamorgese, Speranza e Conte per diffusione dolosa dell’epidemia Covid-19

18 Luglio 2020 1 Di direzione

I sottoscritti Prof. Avv. Augusto Sinagra e Avv. Alfredo Lonoce fanno riferimento all’atto a loro firma cha ha dato origine al procedimento sopraindicato. Sono notizie di questi giorni diffuse dai mezzi di comunicazione tradizionali, oltre che tramite i c.d. “social”, che riferiscono di sbarchi continui e incontrollati di clandestini non identificabili, provenienti dalle più diverse località ma in prevalenza da Paesi africani, con la complicità di “scafisti” e c.d. O.N.G.

Al di là degli spaventosi costi relativa alla c.d. “accoglienza” che fanno lucrare ignobilmente coloro che  in tale attività si dedicano, in uno dei momenti di più grave crisi economica che affligge la Comunità nazionle (i dati ISTAT riferiscono del numero crescente di italiani poveri), i clandestini non vengono sottoposti ad adeguati controlli sanitari.

Molti di essi sono risultati portatori di Codid 19, HIV, TBC, scabbia ed altre malattie contagiose.

Molti di questi clandestini (che non rispettano le leggi e le regole, ma pretendono di dettarle) hanno abbandonato i luoghi di c.d. “quarantena”, agiscono come meglio essi credono anche con violenza e da ultimo si sono “impossessati” di un treno ad Agrigento pretendendo di essere condotti a Palermo.

Non è certo questa la sede per valutare le “scelte” governative di “politica dell’immigrazione”, ma vi è che la omissione di qualsiasi misura atta a fronteggiare tale fenomeno, anzi la palese volontà di non ostacolarlo, non solo costituisce una manifesta violazione delle vigenti leggi in materia di immigrazione, ma espone, per le ragioni prima dette (e che la S.V. vorrà verificare), la Comunità nazionale al gravissimo pericolo di contagio da Covid 19 e di altre patologie infettive (HIV, TBC, ecc.).

Fino a pochi giorni fa risultava, tra l’altro, la seguente situazione che la S.V. potrà verificare:

  • 3  migranti della Sea Watch positivi al Covid-19
  • 40 clandestini affetti da Covid 19 risultano presenti a bordo della nave “Moby Zazà” nel porto di Porto Empedocle;
  • 8 immigrati della nave Mare Jonio affetti dal coronavirus sbarcati ad Augusta;
  • 2 clandestini sono ricoverati per Covid 19, uno presso l’Ospedale di Caltanissetta e l’altro presso l’Ospedale di Palermo;
  • 8 clandestini affetti da Covid 19 sono presenti a Noto:
  • immigrati a valanga sulle coste di Lampedusa e rivolta ad Amantea;
  • scontri in Calabra dopo lo sbarco di 70 immigrati a Roccella Jonica, 28 dei quali positivi al coronavirus:
  • 13 pachistani positivi al Coronavirus ad Amantea.

Tutto ciò premesso, si chiede che la S.V. ill.ma voglia accertare e valutare se nelle condotte della Dr.ssa Luciana Lamorgese (Ministro dell’Interno), del Deputato Roberto Speranza (Ministro della Salute) e dell’Avv. Giuseppe Conte (Presidente del Consiglio dei Ministri), ciascuno per la parte di propria competenza, sia ravvisabile il delitto di provocata epidemia non più a titolo colposo, bensì doloso per la previsione dell’evento; con ogni correlativa  conseguenza sulla qualificazione giuridica dei decessi che dovessero essere accertati come conseguenza del contagio portato dai clandestini che vengono fatti entrare sul territorio nazionale senza limite alcuno.

Si allega una breve rassegna di recenti articoli di stampa che confermano quanto esposto (ovviamente di stampa non governativa).

Si resta a disposizione della S.V. ill.ma per ogni chiarimento ritenuto necessario.