Cesare Battisti chiede la scarcerazione: “Temo il contagio da Covid”

Cesare Battisti chiede la scarcerazione: “Temo il contagio da Covid”

9 Maggio 2020 0 Di direzione

L’ex terrorista, condannato all’ergastolo, ha chiesto di “essere trasferito agli arresti domiciliari dai suoi parenti”. Salvini: “Stia in carcere, al sicuro”

Sta scontando l’ergastolo per quattro omicidi nel carcere di Oristano e ora Cesare Battisti chiede di uscire di prigione.

L’ex terrorista ha fatto istanza per beneficiare di misure alternative alla custodia in carcere per il rischio di complicanze in caso di infezione da Covid-19. A confermare la richiesta è stato il suo legale Davide Steccanella.

“Teme il contagio. Inoltre da un anno e mezzo è l’unico in isolamento di alta sicurezza ad Oristano e da allora non vede parenti”, ha spiegato  il legale precisando che la richiesta di scarcerazione è stata avanzata questa mattina. “Battisti – ha continuato l’avvocato – rientra nella categoria degli over 65, inoltre ha delle patologie che lo mettono a rischio e la sua situazione carceraria non garantisce la sua salute da questo punto di vista”. Le condizioni di salute dell’ex terrorista dei Proletari armati per il comunismo (Pac), ha spiegato Steccanella, sono scritte “negli atti pubblici della richiesta: ha un’epatite B e un’infezione al polmone. Siamo in attesa della risposta del Tribunale, i giudici valuteranno la richiesta, ma non ci sono tempi precisi”. La richiesta di Battisti è quella di essere “trasferito agli arresti domiciliari dai suoi parenti nel Lazio. Nel carcere ad alta sicurezza di Oristano – ha sottolineato ancora l’avvocato -,il mio assistito sta scontando un ingiusto isolamento ed è l’unico detenuto con l’alta classificazione di sicurezza ’62′”.

Subito è arrivata la dura reazione da parte del leader della Lega. “L’assassino Cesare Battisti, condannato all’ergastolo per quattro omicidi, chiede di uscire dal carcere perché ‘teme il virus’. Quando ha ucciso non aveva paura però, e non chiese alle sue vittime se avevano paura”, ha tuonato Matteo Salvini. “Stia in carcere, al sicuro, fino alla fine dei suoi giorni”, ha poi aggiunto il leghista. “Dopo boss e mafiosi di ogni tipo, ora anche l’assassino e terrorista Cesare Battisti chiede di essere scarcerato perchè ‘impaurito’ da un possibile contagio da Covid in galera. Lo Stato non si pieghi alle richieste di questo criminale: Fratelli d’Italia è pronta a fare le barricate per impedire in ogni modo che l’assassino Battisti la faccia franca con la scusa del coronavirus”, ha invece dichiarato Giorgia Meloni.

Dopo una fuga durata quasi 40 anni, il 14 gennaio 2019 l’aereo con a bordo Battisti è atterrato a Ciampino. L’ex terrorista era stato catturato in Bolivia, quindi condotto in Italia. Interrogato nel carcere di Oristano, ha ammesso di avere commesso i quattro omicidi che gli sono stati imputati. Per lui l’ergastolo. Il legale ha chiesto poi una riduzione dell’isolamento diurno e di commutare la pena dall’ergastolo a 30 anni di carcere in base all’accordo di estradizione tra Brasile e Italia. Niente di tutto ciò è stato accolto. E ora arriva la richiesta di scarcerazione per il rischio di complicanze in caso di infezione da coronavirus