Parigi vuole “comprare”l’Italia

Parigi vuole “comprare”l’Italia

4 Aprile 2020 0 Di direzione

Tutte le mire della Francia nei nostri settori strategici

Italia e Francia sono, al momento dalla stessa parte della barricata nel chiedere all’Unione Europea una svolta incisiva sul coronavirus: chiedendo l’emissione di Eurobond, un più incisivo aumento della solidarietà comunitaria, maggior spazio di manovra per la Banca europea degli investimenti e un superamento dell’austerità Roma e Parigi si pongono assieme alla Spagna contro l’asse tedesco-olandese pro-rigore.

La battaglia tattica contro il coronavirus e la necessità di superare i paradigmi nordici che rischiano di mandare al tappeto l’Unione non devono però far dimenticare un altro versante delle relazioni italo-francesi: quello delle mire di diversi attivi protagonisti della politica economica transalpina per svariati campioni nazionali italiani. Ora più vulnerabili che mai per le tensioni borsistiche che hanno portato la Consob a vietare la vendita allo scoperto a Piazza Affari e per l’emersione di un crescente consenso politico, dal Copasir al governo, sulla tutela degli asset strategici.

Fortemente attivo, il Comitato parlamentare che vigila sui Servizi segreti ha recentemente predisposto un ciclo di audizioni di alti esponenti del mondo istituzionale e finanziario: Banca d’Italia, Borsa Italiana, amministratori delegati di grandi banche e esponenti dell’Aise, il settore dei Servizi preposto alla “sicurezza esterna”. Al centro del mirino proprio le mire di Parigi sull’economia nazionale, come fa notare La Stampa: “Già da diverse settimane negli ambienti finanziari si registrano movimenti di interesse provenienti d’Oltralpe su alcune banche italiane e su un gioiello come Generali. E sempre a Parigi porta un’ altra pista: quella dei possibili acquirenti di Borsa Italiana, la società che controlla Piazza Affari”.

Borsa Italianaè oggi legata alla borsa di Londra tramite la società London Stock Exchange. La crisi finanziaria in avvicinamento sembra destinata a mettere in archivio le residue possibilità di vedere Milano come piattaforma di contatto tra l’Europa e la finanza della City post-Brexit. Il risiko delle borse europee è da tempo in corso e Euronext, la cordata facente capo a Parigi,brama da tempo di colmare il vuoto lasciato da Londra attraverso la costituzione di un’alleanza o l’acquisizione di Piazza Affari, che come ogni operazione di questo tipo garantirebbe l’instaurazione di un canale privilegiato tra i sistemi finanziari e un accesso favorevole per il Paese controllore ai mercati della borsa controllata.

Da Eni a Generali, da Unicredit ad Avioil novero di società nazionali che potrebbero cadere preda di interessi economici e scalate transalpine è ampio e variegato. Per questo motivo il complesso dei poteri speciali di vigilanza va reso più stabile e pienamente operativo. Da un assetto “a fisarmonica”, con strumenti come il golden power dispiegati ma resi operativi solo in circostanze emergenziali, è bene passare a una serie di potere di scrutini ben bilanciati e dall’applicazione certa. Nelle istituzioni, di questi tempi, “si sta valutando anche se alzare un altro muro, analogo a quello esistente negli Stati Uniti, che consentirebbe di intervenire, ex post, su operazioni non soggette ad obbligo di notifica (ad esempio quelle provenienti dall’ interno dell’ Ue) ma che potrebbero rivelarsi pericolose per la sicurezza nazionale”. Il principio virgiliano del “Timeo danaos” deve valere, oggigiorno nei confronti di una Francia che, non incoerentemente, persegue in Europa il suo interesse nazionale e si prepara a un futuro in cui l’espansione strategica verso l’Italia potrebbe riprendere con vigore e decisione.

La lezione del 1992-1993, con l’ondata di privatizzazioni a senso unico che bloccò i tentativi di chi, come Paolo Savona, pensò di imbrigliare i francesi con un’alleanza preventiva e partecipazioni equilibrate nei rispettivi sistemi produttivi, insegna come nei momenti crisi da Oltralpe gli ambienti economici e finanziari bramino ripetutamente campagne di acquisto dei gioielli di famiglia italiani. Proprio ora che sul medio periodo Italia e Francia dovranno percorrere un tratto di strada assieme, vigilare è d’obbligo.