Come non far entrare il Coronavirus a casa se esci

Come non far entrare il Coronavirus a casa se esci

22 Marzo 2020 0 Di direzione

Regole igieniche per evitare che il virus del Covid-19 possa infettare chi è in casa con te.

Se in questi giorni dovessi uscire di casa (possibilità che ti è consentita solo per uno dei motivi indicati dal decreto legge “Coronavirus”) è opportuno rispettare alcune fondamentali regole di igiene. Solo in questo modo potrai evitare che il virus del Covid-19 possa entrare, insieme a te, nel tuo appartamento.

Ecco allora gli accorgimenti per lasciare il virus fuori dalla porta di casa.

Naturalmente, la prima regola è uscire con tutti gli accorgimenti necessari a non prendere il virus quando sei fuori. Indossa, quindi, la mascherina di tipo ffp2 o ffp3 con il filtro, le uniche che garantiscono un grado di isolamento sufficientemente sicuro dall’aria che respiri. Fai in modo di proteggerti con guanti in lattice di quelli “usa e getta”. Se possibile, copri la testa con un cappello di lana, di quelli che proteggono dalla fronte alle orecchie, in modo tale che, pur volendo, non ti toccherai per sbaglio.

 

Vediamo ora come non far entrare il Coronavirus a casa nel momento in cui fai ritorno. La prima abitudine – che conoscono bene, da sempre, gli orientali – è quella di togliersi le scarpe all’ingresso di casa e possibilmente anche pantaloni e giacche usati per la permanenza in ufficio o, peggio, sui mezzi pubblici. Evita soprattutto di sdraiarti sul letto o sul divano. 

Dopo esserti tolto gli abiti e le scarpe, ed averle lasciate all’ingresso, non al contatto con altri indumenti, corri in bagno e lavati le mani con un buon disinfettante per almeno 3-5 minuti. 

Pulisci tutte le superfici che hai toccato, anche se con i guanti: dal campanello di casa alle maniglie delle porte. 

Lava gli indumenti con acqua calda, anche a 90 gradi

Evita di tenere a lungo le finestre aperte se abiti al primo piano. Se, invece, vivi in un appartamento ai piani superiori non dovresti avere problemi di questo tipo. Ma fa attenzione a sostare sul balcone se questo non è nettamente separato e distanziato da quello del vicino di casa (come spesso, invece, succede nei condomini).

Come spiega Il Sole24Ore questa mattina in edicola, «per evitare l’inquinamento indoor è possibile ricorrere all’uso di detergenti naturali (come ad esempio aceto combinato acqua ossigenata, bicarbonato di sodio e limone) per difendersi dal virus molti vademecum parlano di uso di amuchina sulle mani e di impiego sulle superfici di candeggina diluita alla concentrazione di 0,5% di cloro attivo. Ma, come indica lo stesso decalogo diffuso la scorsa settimana dall’Istituto Superiore di Sanità, se si candeggia è bene poi ventilare bene gli ambienti».

Disinfetta i pavimenti e gli spazi di casa a uso più frequente come cucina e bagno, piani cottura, tavoli e sanitari. Uno dei metodi più sicuri e naturali è l’uso del vapore: diversi i prodotti in commercio, che consentono un uso non solo sui tessili o i vetri, ma anche sui pavimenti o i muri di casa.