Gli esperti medici Cinesi Arrivati a Milano : basta stare in giro. Chiudete mezzi pubblici e fabbriche

Gli esperti medici Cinesi Arrivati a Milano : basta stare in giro. Chiudete mezzi pubblici e fabbriche

20 Marzo 2020 0 Di direzione

Medici esperti Cinesi in Conferenza : “ABBIAMO VISTO TROPPE PERSONE IN GIRO”

“Per il coronavirus, anche il vicepresidente della Croce Rossa cinese, Sun Shuopeng, è stupito di come ci sia ancora troppa gente per strada, di quante persone usino ancora il trasporto pubblico e del fatto che poca gente usa la mascherina. Ci ha anche detto che le misure sono troppo poco rigorose e che se non si cambia approccio il virus continuerà”.

Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, incontrando la stampa, insieme a Sun Shuopeng, da mercoledì 18 marzo sera a Milano.
Gli stessi concetti sul coronavirus e i comportamenti sono stati, quindi, ribaditi dallo stesso vice presidente della Croce Rossa cinese in maniera chiara “ancora troppa gente non rispetta le misure di sicurezza che, a mio avviso dovrebbero essere ancora più rigide”.

 svg 3E

“Abbiamo fatto un sopralluogo a Milano, ci sono troppe persone in giro e nessuno indossa la mascherina. È il momento di bloccare il trasporto pubblico e le attività produttive“. Lo ha dichiarato il vicepresidente della croce rossa cinese, Sun Shuopeng, durante una conferenza stampa a Palazzo Lombardia nel primo pomeriggio di giovedì 19 marzo

All’incontro stampa ha partecipato anche il governatore della Regione, Attilio Fontana, che ha sottolineato che riporterà al governo i suggerimenti arrivati dall’esperto cinese.

“Quello che sta succedendo in Lombardia è quello che è successo a Wuhan due mesi fa — ha puntualizzato Sun Shuopeng —. E ne siamo usciti solo dopo un mese di quarantena, di blocco totale. È solo a quel punto che i medici hanno potuto cominciare a trattare i pazienti, così da superare il picco dell’epidemia”

Fontana: “Misure più rigide, fermare tutte le attività”

Il presidente della Lombardia Attilio Fontana si è presentato all’ormai consueto punto stampa in Regione indossando la mascherina. Lo ha fatto con al suo finaco il vicepresidente della Cri cinese Sun Shuopeng. “Colui che ha gestito quanto accaduto a Wuhan in maniera diretta – ha sottolineato Fontana – è stupito della troppa gente nelle strade”, troppa gente ad usare il trasporto pubblico “e poca gente con le mascherine”. “I suoi primi consigli – ha aggiunto – sono che le misure sono troppo poco rigide”. Il governatore ha ribadito: “Bisognerà chiedere al nostro governo che vengano emessi provvedimenti piu’ rigorosi di quanto non sia stato fatto”. “Oggi parlerò con il presidente del Consiglio – ha aggiunto Fontana – per capire cosa si potrà fare

Come candidarsi per aiutare

Per dare la propria disponibilita’ e’ possibile scrivere a perlalombardia@regione.lombardia.it. Gallera ha risposto anche in merito ai tamponi che vengono effettuati ai medici. “La Lombardia – ha ricordato – si e’ sempre mossa secondo linee guida dell’Istituto Superiore di Sanita’ (ISS). All’inizio i tamponi venivano effettuati su tutti i ‘contatti diretti’, poi l’ISS ha detto che andavano fatti solo ai ‘sintomatici’ e alle persone che arrivavano in Pronto Soccorso con sintomi. Lo stesso vale anche per gli operatori dei nostri ospedali”

I numeri del Coronavirus

Oltre 17mila contagiati. 319 persone decedute in più solo rispetto a martedì. Numeri di una guerra vera. “I dati dicono che i nostri ospedali sono ancora in grande difficolta’, confidiamo pero’ nell’arrivo di medici, infermieri e nuove apparecchiature”. Lo ha detto l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, durante la diretta quotidiana su Facebook per fare il punto sull’emergenza Coronavirus nelle scorse ore.

“Ci sono ancora troppe persone in giro – ha evidenziato Gallera – e cosi’ non va bene. Siamo consapevoli di chiedere un piccolo sacrificio, ma vogliamo vincere questa battaglia. La ‘montagnetta’ di San Siro, ad esempio, ancora oggi era piena di cittadini che andavano in bicicletta, che correvano. Questo non va bene, dovete stare a casa come ha ricordato questa mattina anche il presidente Fontana”.

Gallera ha poi spiegato che da giovedì 19 marzo inizieranno a lavorare 180 infermieri che si sono laureati in anticipo. “Stanno arrivando anche gli specializzandi al quarto e quinto anno. Abbiamo assunto circa 40 medici – ha continuato – c’e’ qualche pensionato che si sta presentando. Li invito, come il presidente Fontana ha fatto, a darci una mano”