Pregano per esorcizzare il Coronavirus, ma una candela incendia la casa

Pregano per esorcizzare il Coronavirus, ma una candela incendia la casa

14 Marzo 2020 0 Di direzione

I pompieri del distaccamento di Afragola 12B, con l’aiuto di due camion, sono riusciti a domare le fiamme che ormai si stavano propagando anche all’appartamento al secondo piano

Il decreto del Governo Conte sul Coronaviruslimita le uscite della popolazione italiana dalle proprie abitazioni, consentite solo in caso di necessità o per validi motivi.

Gli italiani, così, stanno lentamente cambiando le proprie abitudini, uscendo solo per fare la spesa e, alcuni, per lavorare. Inevitabile che il ‘riposo’, forzato dalla ormai dichiarata epidemia Covid-19, sia ben lontano dal poter essere definito rilassante, con i cittadini di tutta Italia che si stanno attivando, dai balconi soprattutto, in suggestive e coinvolgenti iniziative. Una di queste, però, stava per causare una tragedia. A Cardito, zona nord di Napoli, proprio all’esatto confine con Afragola, si è scatenato un incendio in un appartamento che ha coinvolto anche un’auto parcheggiata in strada. La famiglia, accortasi di cosa stava succedendo, è scesa subito in strada e non ha riportato ferite o danni.

L’hashtag #andràtuttobene, per contrastare la fobia del Coronavirus, sta girando parecchio sui social, facendo da cornice a numerose iniziative, come fossero invisibili sostegni per superare tutti insieme questo momento di emergenza. Una di queste iniziative, tuttavia, più mistica, stava per finire in tragedia. Una candela, materiale infiammabile, e un po’ di distrazione: è servito davvero poco per far scoppiare un incendio in un appartamento a Cardito. L’iniziativa prevedeva la presenza di candele per accompagnare la preghiera, come gesto solidale e segno di speranza. La candela, però, lasciata fuori alla finestra dell’abitazione, ha provocato un primo piccolo incendio con il materiale presente sul balcone, che ha poi scatenato le scintille che hanno colpito un’auto parcheggiata in strada, proprio sotto l’edificio. I componenti della famiglia in quel momento dormivano, e sono stati svegliati di soprassalto dai rumori provocati dal fuoco che aveva attorniamo l’auto.

Dopo qualche attimo di panico e spavento sono scesi in strada, mettendosi al riparo e avvertendo i vigili del fuoco che sono subito accorsi per domare le fiamme. I pompieri del distaccamento di Afragola 12B, con l’aiuto di due camion, sono riusciti a spegnere l’incendio che ormai si stava propagando anche all’appartamento al secondo piano dello stabile. L’episodio è stato contenuto al meglio e non ci sono stati feriti, ma la distrazione della famiglia avrebbe potuto causare conseguenze molto peggiori, agli inquilini della palazzina e all’immobile stesso, provocando danni strutturali. I vigili del fuoco hanno lodato le iniziative che stanno nascendo in questo periodo, ma invitano a un’attenzione massima, soprattutto quando si tratta di candele, lumini e affini, che possono mettere in pericolo la salute di molte persone.