Tornano i barconi a Lampedusa: 26 migranti sbarcati sull’isola

Tornano i barconi a Lampedusa: 26 migranti sbarcati sull’isola

13 Marzo 2020 0 Di direzione

Dopo due settimane di totale azzeramento del numero degli sbarchi, coinciso con l’esplosione dell’emergenza coronavirus, a Lampedusa nelle scorse ore sono sbarcati 26 migranti: il sindaco ha disposto la quarantena

Dopo quasi quindici giorni di tregua, coincisa di fatto con l’esplosione dell’emergenza coronavirus, oggi si è verificato il primo sbarco di migranti nel nostro paese in questo mese di marzo.

Un barcone con 26 persone a bordo è stato intercettato e fatto sbarcare a Lampedusa, dove si è attivata la macchina sanitaria e dei soccorsi. Una volta arrivati a terra, il sindaco dell’isola Totò Martello ha provveduto a disporre per tutti i migranti la quarantena: “Non vedo altre soluzioni possibili – ha dichiarato il primo cittadino, così come riferito dall’AdnKronos – Abbiamo il dovere di tutelare la salute pubblica. Nel corso della quarantena ciascuna delle persone ospitate nel Centro di accoglienza sarà monitorata dal punto di vista sanitario”.

L’isolamento dei 26 migranti sarà tenuto all’interno del locale hotspot di contrada Imbriacola, per fortuna vuoto visto l’azzeramento degli sbarchi nelle ultime settimane. Lo stabile ha una capacità di 90 posti letto, dunque per il momento non dovrebbero esserci grossi problemi per far rispettare la quarantena.

Il pericolo riguarderebbe invece possibili nuove impennate, anche minime, dei flussi migratori nei prossimi giorni. I lampedusani temono, guardando il sole quasi primaverile di oggi, che le belle giornate potrebbero favorire una ripresa degli approdi sull’isola nonostante l’emergenza sanitaria. In un momento come quello attuale, anche un tenue aumento del numero degli approdi potrebbe significare per Lampedusa notevoli difficoltà.

Al momento sono due, esclusa la situazione odierna verificatasi sull’isola delle Pelagie, i casi di migranti messi in quarantena. Il primo riguarda le persone sbarcate il 23 febbraio scorso a Pozzallo dalla nave Ocean Viking, il secondo invece è inerente ai 194 migranti messi in isolamento in una ex caserma dismessa di Messina dopo essere approdati con la Sea Watch 3 nella città siciliana.

Per l’Italia, la gestione di eventuali ondate di migranti risulterebbe molto complicata visto che il nostro paese è alle prese con una delle più gravi emergenze sanitarie della sua storia recente. L’azzeramento totale degli approdi, accertato fino ad oggi, ha in qualche modo dato respiro dal punto di vista logistico alle forze dell’ordine che anche in Sicilia e nelle regioni del sud, dove avvengono la stragrande maggioranza degli sbarchi, sono impegnate nel far rispettare le disposizioni contro il virus.

Sempre sul fronte migratorio, così come raccontato nei giorni scorsi su IlGiornale, per adesso nessuna nave Ong dovrebbe prendere il largo: non solo le quarantene imposte nei giorni scorsi agli equipaggi di Sea Watch 3 ed Ocean Viking, ma anche la situazione attuale sempre più grave sul fronte coronavirus, sta impedendo ai membri delle organizzazioni di organizzarsi logisticamente