Coronavirus, sanità sarda in crisi: mancano reagenti, tamponi e attrezzature

Coronavirus, sanità sarda in crisi: mancano reagenti, tamponi e attrezzature

13 Marzo 2020 0 Di direzione

Regione e Asl hanno inviato una richiesta di fornitura urgente al dipartimento nazionale della Protezione civile

Sanità sarda in crisi durante l’emergenza coronavirus: Regione e Asl hanno inviato una richiesta di fornitura urgente al dipartimento nazionale della Protezione civile di 60mila tamponi e mille kit diagnostici per coronavirus, 57mila mascherine del tipo Ffp2, 69mila del tipo Ffp3 e 50 ventilatori polmonari.

Le attrezzature che scarseggiano però sono molte; secondo quanto appreso da fonti regionali, dall’Azienda per la Tutela della salute, dall’Areus (azienda emergenza urgenza) e dalle Aou di Cagliari e Sassari mancherebbero 1,7 milioni di guanti in nitrile, 900mila in vinile, 12mila visiere di protezione, 98mila tute protettive, 257mila mascherine chirurgiche, 100mila camici impermeabili, 10mila occhiali protettivi, 12mila occhiali a maschera, 260mila tra calzari e sovrascarpe, 190mila cuffie copricapo, 52mila litri di detergente per mani, 360 litri di perossido, 50mila litri di soluzione idroalcolica, 600 dispenser a muro per disinfettanti, mille termometri laser, 56mila camici impermeabili a maniche lunghe, duemila camici chirurgici, duemila guanti in lattice, tremila respiratori.