Coronavirus, i tifosi della Roma donano allo Spallanzani il rimborso dei biglietti di Siviglia

Coronavirus, i tifosi della Roma donano allo Spallanzani il rimborso dei biglietti di Siviglia

11 Marzo 2020 0 Di direzione

I tifosi della Roma hanno deciso di rinunciare al rimborso dei biglietti già acquistati per assistere alla sfida tra la propria squadra del cuore e il Siviglia, devolvendo la cifra all’Istituto Malattie infettive dell’Ospedale Spallanzani. Un’iniziativa resa possibile grazie alla campagna di raccolta fondi online promossa sul sito gofundme.com

La salute viene prima di tutto. Lo sanno bene i tifosi della Roma che hanno deciso di rinunciare al rimborso dei biglietti già acquistati per assistere alla sfida tra la propria squadra del cuore e il Siviglia, devolvendo la cifra all’Istituto Malattie infettive dell’Ospedale Spallanzani. Un bellissimo gesto, per aiutare chi in questi giorni sta lottando in prima linea per cercare di contenere l’emergenza Coronavirus

Siviglia-Roma, i tifosi giallorossi rinunciano al rimborso dei biglietti e devolvono tutto allo Spallanzani per l’emergenza Coronavirus

Siviglia-Roma non si giocherà. La squadra giallorossa non potrà volare in Spagna per il match valido per l’andata degli ottavi di finale di Europa League, che è stato rinviato dall’Uefa. I tifosi capitolini che avevano già acquistato il biglietto per la trasferta andalusa, hanno deciso di rinunciare al rimborso per devolvere l’inter cifra all’istituto Malattie infettive dello Spallanzani di Roma in un momento di grande difficoltà alla luce dell’emergenza Coronavirus. Un’iniziativa resa possibile grazie alla campagna di raccolta fondi online promossa sul sito gofundme.com. Già nelle prime ore, come evidenziato da Sky sarebbero stati raccolti 8mila euro

La raccolta fondi dei tifosi della Roma per aiutare a contenere l’emergenza Coronavirus
Questo il comunicato sulla pagina della raccolta fondi sulla piattaforma gofoundme: “Non siamo personale medico o sanitario. Non possiamo contribuire con il nostro tempo o con la nostra professione, ma possiamo provarci con la nostra passione. E allora se il pub è chiuso, in trasferta non ci si va, con sti soldi che ce dovemo fa? Daje rega! Aiutiamo l’Istituto per le Malattie infettive Lazzaro Spallanzani, diamo la nostra vicinanza a chi nella nostra città non si può fermare, a chi deve e dovrà lavorare giorno e notte per bloccare questo maledetto virus. Facciamolo Insieme”