Coronavirus, in piena emergenza Asp Catanzaro chiede ai medici di restituire soldi

Coronavirus, in piena emergenza Asp Catanzaro chiede ai medici di restituire soldi

9 Marzo 2020 0 Di direzione

Il provvedimento dei commissari straordinari dell’Azienda sanitaria rischia di creare il caos. Preoccupato il direttore del 118 per la carenza di personale

Mentre imperversa l’emergenza Coronavirus e si tenta di reclutare ovunque medici e personale sanitario, incentivandone la presenza sul posto di lavoro in ogni modo, l’Asp di Catanzaro, attualmente commissariata, con una precisa delibera procede in direzione contraria, richiedendo ai medici indietro l’indennità percepita negli anni per avere eseguito compiti aggiuntivi. Una scelta quella dei due commissari che ha messo in pesante stato di agitazione i medici con disagi inevitabili. Stando ai dati forniti, l’80% delle postazioni di 118 sarebbero al momento smedicalizzate per mancanza di personale. “Viva preoccupazione” per la situazione che si è venuta a determinare è stata espressa dal Direttore dell’Unità operativa del Dipartimento 118 dell’Area centrale della Calabria Antonio Talesa contattato da Zoom24. “Serve un grande senso di responsabilità in questa fase in cui i medici in servizio vengono sottoposti a turni di lavoro massacrante. Confido nella dottoressa Maria Luisa Latella, neo prefetto di Catanzaro, per la soluzione di questa gravosa problematica. Anzi, sono sicuro che un prefetto di grande esperienza e spessore morale e culturale come lei sarà assumere al più presto provvedimenti utili al fine di reclutare personale sanitario”.