Coronavirus, c’è una “mente” dietro l’assalto ai supermercati? Aperta un’inchiesta, quell’audio su WhatsApp

27 Febbraio 2020 0 Di direzione

Non basta il panico concreto con il coronavirus, ora anche quello scatenato dalle “bufale” virtuali. I procuratori aggiunti Tiziana Siciliano e Eugenio Fusco hanno aperto un’inchiesta per diffusione di notizie false atte a turbare l’ordine pubblico in relazione ad un audio che sta circolando via WhatsApp almeno da sabato e nel quale la voce di una donna incita a “fare la scorta” perché Milano finirà “in quarantena come mi ha detto la moglie di uno della Regione”. Lo scrive il Giorno in edicola giovedì 28 chiuse. L’ipotesi è che quell’audio, ascoltato da numerose persone, abbia spinto molti – sabato scorso – a dare l’assalto ai supermarket. Insomma, potrebbe esserci “una mente” dietro l’assalto agli scaffali?