Neonati scambiati in culla: panico in ospedale

Neonati scambiati in culla: panico in ospedale

3 Gennaio 2020 0 Di direzione

Due bimbi con lo stesso cognome scambiati nelle cullette: e in città è corsa al Lotto

Scambio in culla a Napoli: l’incubo di tutte le mamme e i papà. E’ accaduto all’ospedale di Ponticelli: due bimbi, un maschietto e una femminuccia, appena nati, con lo stesso cognome, sono stati scambiati in culletta lo scorso 31 dicembre, dopo un giorno dalla nascita.
Stesso cognome ma nessun rapporto di parentela tra i genitori. Così i bimbi dopo il parto vengono portati nel nido e poi alle mamme per la poppata.
E’ stata una delle nonne ad accorgersi che c’era un’anomalia: la sua nipotina era femmina, ma la mamma stava allattando un maschietto. Segnalato il caso, in ospedale si è scatenato il caos.
Il direttore ha spiegato l’accaduto: uno scambio dovuto al cognome, identico, ma non appena segnalata l’anomalia è stato tutto risolto, col neonato “giusto” restituito alla famiglia naturale.
Nell’ospedale si era scatenato il panico anche tra le altre coppie che avevano appena avuto un bambino, ma sono stati tranquillizzati: i bimbi, come da prassi, erano stati muniti di braccialetti fin dalla nascita e la corrispondenza garantiva l’effettiva identità dei neonati.
L’ospedale inoltre, per fornire ulteriore tranquillità alle coppie, si è offerto di garantire il test del Dna gratuitamente per i bimbi.
Intanto a Napoli è corsa al lotto per la curiosa vicenda.

www.ottopagine.it